Appino – Il testamento

03Mar13

appino_2012

Nella società moderna globalizzata, dove uomini, merci e comunicazioni si intersecano in etnorami sempre più complessi e (solo apparentemente) polverizzati, abbiamo bisogno di punti fissi: il disco solista di Appino, “Il testamento”, è merda riciclata al 100%. E se, durante alcuni istanti dell’ascolto, viene da pensare che non sia così, bisogna invece convincersene. Meritiamo di meglio che i soliti incroci tra cantautorato italiano morto e il peggio del Teatro degli Orrori, in una caduta libera nel giro di tre dischi pari solo a quella del PD nelle ultime campagne elettorali. Questo disco fa venire l’ansia da quanto è brutto, punto. Non ce l’ho fatta ad andare oltre la metà. E la mia incazzatura è spinta principalmente dal fatto che su Rumore abbiano avuto il coraggio di dargli 8. Da non crederci.

Per rendervi conto, confrontate un attimo le prime due strofe:

Annunci


No Responses Yet to “Appino – Il testamento”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: