Serendipità

01Ott13
serendipità

immagine trovata a caso su google alla voce “serendipità”

L’uomo, il giovane uomo, era un aspirante sociologo e un bassista jazz. Veniva da Yogyakarta. Questo sito, un cocktail di curiosità dal mondo e becero orientalismo, racconta Yogyakarta come un ottimo posto in cui abitare se hai un desiderio di morte: una monarchia appollaiata su un vulcano che dispensa periodicamente lava, lapilli, terremoti e tsunami. L’uomo raccontava la scena alternative jazz di Yogyakarta e il suo underground DIY, non esattamente un’ammucchiata di contadinotti regolarmente carbonizzati dalle forze della natura. Chissà.

Aveva una personalità magnetica, un aspetto affascinante; ma ciò che mi colpiva inconfessabilmente di lui era l’unghia del suo pollice destro.

Enorme, contorta, un artiglio malefico.

Durante le nostre conversazioni impiegavo energie considerevoli nel distogliere la mia attenzione da quell’unghia, e non chiederne l’origine. Tempo dopo ne ho parlato, chissà perché, con l’altra mente di questo blog. Secondo lui l’unghia prominente è un tratto dei jazzisti – forse un orpello simbolico, forse uno strumento utile alla loro musica. Sempre più inquieto e curioso, ho deciso di cercare su Google: JAZZISTI UNGHIA POLLICE. Ma qualcosa è andato storto, e ho cercato invece: JAZZISTI UNGHIA ALLUCE.

Ora, io sono circondato da fatalisti. Mia mamma che mi rinfaccia la sua personale idea del destino sin da quando sono nato, gentaglia a caso che mi pone domande incomprensibili tipo “Ma quindi tu vai d’accordo con gli arietini?”, amiche che hanno la mamma astrologa, cose così. Per quanto posso, cerco di andare per la mia strada senza farmi influenzare. Eppure, è stato un caso quell’errore nella ricerca? In quale altro modo e istante della mia vita, se quella sera non avessi scritto ALLUCE invece che (correttamente) POLLICE, avrei potuto imbattermi in:

leonedilernia1

compresi optionals :
 
mutande, 
1 giubbotto, 
scarpe vecchie, 
cd usati, 
manifesti e cartoline, 
testi di canzoni originali di Leone Di Lernia, 
sedili riscaldati con ancora peli usati di qualche fica, 
tappetini con funghi e formaggio, 
vetri mai lavati ( fumè con sputo di sbò ), 
cerchi in lega nord, 
paraurti anti-terrone, 
carrozzeria dell’ottocento, 
baule con cassa da morto, 
ruota di scarto. 
intrerni…… N° 7 CITOFONARE NENNA ROSA
TAGLIANDO….. LE UNGHIE
FRENI….. CHE è MEGLIO
FRIZIONE…… DA SAVERIO IL PARRUCCHIERE
IMPIANTO…. STEREO 8
 
CHI SI AGGIUDICA L’ASTA RITIRA LA MACCHINA DIRETTAMENTE DA LEONE DI LERNIA E POTRÀ  PRANZARE CON LEONE DA CHECCHELE E NENNELLA ” LA PORTA ROSSA ” SONO COMPRESE FOTO ED AUTOGRAFO.
 
Ecco, per quanto ne so è tutto vero. Buona asta.

Annunci


No Responses Yet to “Serendipità”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: