Archive for febbraio, 2015

Ne avevo parlato qui, era roba che aspettavo. In un paese come la Tunisia, di solito il modus operandi per la musica underground – rap soprattutto – è piuttosto lineare: ci si immagina una disseminazione continua di materiale molto urgente e poco costoso, mixtapes, video rapidi ed efficaci. Pianoforti depressivi, flow incazzato e immagini di […]